Ha maggiore incidenza nel sesso femminile e si presenta tipicamente con il sopraggiungere della mezz’età.

Si tratta di una patologia infiammatoria cronica ed autoimmune che colpisce le ghiandole esocrine, prevalentemente salivari e lacrimali; la malattia è di tipo autoimmune poiché è causata proprio dalla migrazione di un certo numero di cellule immunitarie all’interno delle ghiandole sopracitate con il conseguente impedimento del corretto funzionamento di quest’ultime.

Risultati immagini per sindrome di sjogrenIn estrema sintesi, gli effetti di questo processo risultano in una secchezza delle ghiandole colpite e, conseguentemente, delle regioni in cui queste ghiandole sono situate, ovvero occhi e bocca.

La scarsa o assente produzione di lacrime e di saliva sono, pertanto, i principali segni e sintomi della sindrome di Sjögren ed essi si accompagnano ad una serie di ulteriori complicazioni quali alterazioni del gusto, maggiore incidenza di malattie dentinali, difficoltà nel processo di deglutizione, rossore e bruciore degli occhi e disturbi della vista.

Inoltre, in alcuni casi vi possono essere anche affezioni dell’apparato genitale esterno, delle mucose nasali, delle articolazioni e dei muscoli (artralgie, artriti, mialgie) e di altri sistemi (renale, respiratorio e nervoso).

Importante anche sottolineare come, secondo alcuni studi, la sindrome di Sjögren sia associata ad un aumentato rischio nello sviluppo di linfomi.

La sindrome di Sjögren si può presentare nella sua forma primaria, ovvero in assenza di altre patologie, o nella sua forma secondaria, con la consensuale presenza di altre malattie su base autoimmune (artrite reumatoide, sclerodermia, tiroidite di Hashimoto, lupus sistemico eritematoso ecc..).

Risultati immagini per sindrome di sjogrenLa diagnosi si basa principalmente su esami oculari in grado di evidenziare la secchezza delle ghiandole lacrimali e, in parallelo, su esami come la biopsia delle ghiandole salivari minori, utile a dimostrare la secchezza e, dunque, un interessamento di queste ultime. Ad ulteriore conferma, è possibile effettuare degli esami ematochimici alla ricerca di alcuni anticorpi specifici per la malattia di Sjögren.

 Per quanto concerne il trattamento della sindrome di Sjögre, non esiste ad oggi una terapia specifica e risolutia; tuttavia, ci si può avvalere di colliri e sostituti lacrimali per i problemi relativi agli occhi e di farmaci stimolanti della secrezione salivare per i problemi relativi alla mucosa orale.

Inutile sottolineare l’importanza di una corretta ed adeguata igiene orale onde evitare infezioni e complicanze di denti e mucose.

Altri farmaci utili a livello sistemico possono essere FANS e FAS, antimalarici e farmaci immunosopressori.

 

Se vi interessa, potete approfondire qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.