Cosa ha a che fare una piccola Endonucleasi con l’ingegneria genetica? Ci aspetta un futuro fatto di super uomini?

Alcuni di voi, avranno già sentito parlare delle Endonucleasi di restrizione (piccole nucleasi, nonché enzimi catalizzatori determinate reazioni, che riconosco brevi sequenze nucleotidiche del DNA a doppia elica e lo tagliano in  siti ad alta specificità).

Oggi vorrei parlarvi di una Endonucleasi specifica, CAS9, che potrà cambiare il futuro della medicina.

CAS9 è stata definita come una Endonucleasi programmabile e paragonata ad un piccolo robot capace di tagliare il DNA in un determinato sito, scelto dal “programmatore”, grazie alla sua associazione con un RNA guida.

Come funziona questo piccolo “robot”?

come funziona CAS9? (tratta dal sito www.origene.com
come funziona CAS9?
(tratta dal sito www.origene.com)

Si viene a formare un complesso tra CAS9(associato all’RNA guida) e CRISP (Cluster Regulary Interspaced Short Palindromic Repeats, segmenti di DNA contenenti brevi sequenze ripetute) al quale si aggiunge la sequenza di DNA “corretta” da sostituire a quella che verrà eliminata, grazie all’attività endonucleasica del complesso.

Questa tecnica è stata, da subito, applicata a cellule staminali sia muriniche che umane, portando a sviluppare diverse preoccupazioni da parte dei ricercatori, che analizzando le cellule trattate ritrovarono mutazioni indotte e potenzialmete dannose. Questo ha fatto si che la comunità scientifica si dividesse in quelli che vorrebbero utilizzare la tecnica (seguendo le linee guida che verranno imposte) con la consapevolezza che questa, coordinata con la mappatura genetica, possa portare a benefici per le generazioni future in campo di terapie mediche, che in questo modo potrebbero diventare sempre più mirate e “personalizzate”; altri che, invece, credono che con l’utilizzo di questa tecnica si possano riaprire le porte all’ EUGENETICA che prevede lo studio di metodi atti al perfezionamento della specie umana, attraverso, appunto, selezione artificiale di caratteri definiti EUGENICI (fattori positivi sia fisici che mentali) e la rimozione di quelli definiti DISGENICI (negativi).

tratto da www.valuewalk.com
tratto da www.valuewalk.com

Attualmente si sta cercando di apportare modifiche necessarie affinchè CAS9 tanto interessante, quanto potenzialmente “preoccupante” possa essere sfruttata nel migliore dei modi senza destare pensieri che riportino, per memoria storica, a tempi non proprio “felici” per l’umanità, tempi in cui circolava l’ideale di RAZZA PURA.

Nel frattempo, in attesa di altre notizie io mi chiedo: “ voi cosa ne pensate? Modificazione della linea germinale si o no?” Ma soprattutto “credete che la nostra specie meriti questo “potenziamento genico” artificiale o meglio lasciare tutto al buon vecchio Darwin con la sua selezione naturale?”

l'eterna lotta tra natura e scienza
l’eterna lotta tra natura e scienza

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Comment moderation is enabled. Your comment may take some time to appear.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.