La sindrome di Mallory-Weiss è una fessura longitudinale della mucosa gastrica, in corrispondenza della giunzione gastro-esofagea, che funge da fonte di sanguinamento gastrointestinale. Nella maggior parte dei casi, questa sindrome si manifesta dopo aver consumato grandi dosi di alcol o  grandi quantità di cibo, e dunque è spesso conseguenza di condizioni di alcolismo o di bulimia.

Secondo i dati statistici, la sindrome di Mallory-Weiss è responsabile di circa il 10% di tutte le emorragie gastrointestinali. Molto spesso questa sindrome si verifica nei maschi tra i 45 ei 65 anni che sono inclini all’abuso di alcol.

La sindrome di Mallory-Weiss prende il nome dei due autori,  G. Kenneth Mallory e Soma Weiss, che per primi hanno parlato di tale patologia su 15 pazienti alcolisti (Weiss S, Mallory GK. Lesions of the cardiac orifice of the stomach produced by vomiting. Journal of the American Medical Association 1932;98:1353-55).

Nella maggior parte dei casi, questa sindrome si verifica a causa di una maggiore pressione nel tratto gastrointestinale superiore (giunzione gastro-esofagea), che porta alla rottura della membrana mucosa gastrointestinale. I motivi dell’aumento della pressione includono: stipsi, tosse, vomito (a causa di eccesso di cibo, consumo eccessivo di alcol, colecistite, pancreatite, gravidanza, ecc.), rianimazione cardiopolmonare, ernia diaframmatica, danni all’esofago durante fibroesofagogastroduodenoscopia, trauma.

Clinicamente, questa sindrome si manifesta principalmente con episodi di ematemesi ( emissione di sangue con il vomito ). In alcuni casi, il sangue, durante i primi attacchi di vomito osservati, può essere completamente assente, poiché si manifesta solo dopo la rottura della mucosa. Nei pazienti affetti da tale sindrome può esserci anche dolore nella zona addominale.

La diagnosi viene stabilita sulla base dei risultati ottenuti durante l’esame endoscopico. Inoltre, quando si esegue l’endoscopia, vengono contemporaneamente prese misure per localizzare e interrompere il sanguinamento

Al momento della fibroesofagogastroduodenoscopia, se c’è una rottura sanguinante della mucosa esofagea, prima di tutto si tenta di fermare questo sanguinamento endoscopicamente, utilizzando: coagulazione argon-plasma, coagulazione adrenalinica, elettrocoagulazione, clipping vascolare, legatura vascolare, introduzione di sclerosanti.

синдром вейса фотоNella sindrome di Mallory-Weiss si mira anche a ripristinare il volume di sangue circolante. Per questi scopi vengono utilizzate varie soluzioni colloidali e cristalloidi. In caso di emorragia grave, viene utilizzata la trasfusione di sangue. E’ buona norma, in caso di vomito attivo, provvedere alla somministrazione di metoclopramide.

La terapia chirurgica della sindrome di Mallory-Weiss viene utilizzata solo se i risultati desiderati non sono stati raggiunti con il trattamento endoscopico.

La prognosi  nella sindrome di Mallory-Weiss è piuttosto favorevole. Nella stragrande maggioranza dei casi, il sanguinamento può essere interrotto con successo.

 

 

Se vi interessa, potete approfondire qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.