Per clonazione, in biologia, si intende una tecnica che porti alla replicazione di una o più entità biologiche; nello specifico, ci si può riferire comunemente alla clonazione di geni, di cellule o di individui.

Oltre alla clonazione umana che si verifica naturalmente nel caso di gravidanza gemmelare, nella quale ha luogo la nascita di due individui sviluppati da un singolo ovulo fecondato, nella storia si assiste già da circa 70 anni alla clonazione di cellule, replicate in laboratorio a fini puramente di ricerca. In questo contesto, l’esempio più celebre è rappresentato dalla clonazione, nel 1996, della pecora Dolly, primo caso di mammifero clonato; tuttavia, anche altri animali erano già stati clonati a partire da 50 anni prima, animali come rane ed altri anfibi.

Risultati immagini per clonazioneMa si può clonare un uomo?

Il genotipo umano si può clonare, seppur con enormi ostacoli; basti pensare che per clonare la famosa pecora Dolly sono stati necessari 271 tentativi, dei quali solo l’ultimo è stato efficace. Inoltre, è utile specificare che la maggior parte delle gravidanze per la clonazione terminano con un aborto sponataneo e che ove nascano, i mammiferi prodotti dalla clonazione, soffrono di seri problemi di salute che li portano a morte precoce nella gran parte dei casi; anche Dolly, dopo soli 6 anni di vita è stata soppressa per la rapida decadenza del suo stato di salute.

Tuttavia, la clonazione del genotipo non basta a dire che la clonazione di un individuo umano sia possibile. Perchè?

Risultati immagini per clonazionePerchè a costituire un individuo non è soltanto il suo genotipo, ma anche il suo fenotipo. In particolare, se il corredo genetico di un individuo è il suo genotipo, il fenotipo si riferisce a ciò che è l’individuo, che comprende non solo l’aspetto o l’anatomia esterna dell’individuo, ma anche la sua fisiologia, così come le predisposizioni e gli attributi comportamentali, comprendendo le capacità intellettuali, i valori morali, le preferenze estetiche, i valori religiosi e, in generale , tutte le altre caratteristiche o caratteristiche comportamentali, acquisite dall’esperienza, dall’imitazione, dall’apprendimento o in qualsiasi altro modo nella vita dell’individuo, dal concepimento alla morte.

Il fenotipo risulta da complesse reti di interazioni tra i geni e l’ambiente e, dato che l’ambiente non può essere clonato, così non può essere clonato il fenotipo e dunque l’individuo nella sua interezza; genomi identici producono, in ambienti diversi, individui che possono essere profondamente diversi.

Pertanto, la clonazione di un particolare individuo è impossibile; non solo, ma anche gli esperimenti sulla clonazione del genotipo umano sono vietati nella maggior parte dei Paesi nel mondo, poichè la tematica va a cozzare con molti valori etici, bioetici e religiosi/spirituali che stanno alle fondamenta di molte culture.

Risultati immagini per organi in vitroMa se non è possibile clonare un uomo, ciò non significa che le tecniche di clonazione siano vane o inutili; di fatto, la clonazione è attualmente molto usata per la replicazione di cellule staminali, utilizzate nella medicina rigenerativa, nel trattamento di molte malattie (anemia falciforme) e nella sfera del trapianto degli organi (ad esempio nel trapianto di midollo osseo). Ed è proprio quella del trapianto una delle applicazioni più promettenti, poichè attraverso la clonazione  delle cellule staminali provenienti dallo stesso ricevente, è possibile la crescita in laboratorio di organi utili ad un trapianto, bypassando, inoltre, due possibili grossi ostacoli: il rigetto immunitario e la disponibilità di organi geneticamente compatibili.

Poi, così come gli organi, possono essere cresciute in laboratorio anche le cellule nervose, arma fondamentale per il trattamento di tutti quegli individui che, ad esempio, si ritrovano paralizzati in seguito ad un danno al midollo spinale tale da interrompere la trasmissione dei segnali nervosi dal cervello al corpo e viceversa.

Per concludere, dunque, nonostante la clonazione di un individuo non sia possibile, è importante continuare ed approfondire la ricerca su tutte le altre applicazioni che la tecnica di clonazione può consentire.

Se vi interessa, potete approfondire qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Comment moderation is enabled. Your comment may take some time to appear.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.