L’elefantiasi, o filariasi linfatica, è una malattia caratterizzata da un enorme inspessimento della cute e in particolare del tessuto connettivo sottostante degli arti inferiori, comprendendo gli organi genitali, sia maschili che femminili.

Cause

L’elefantiasi è causata da un’ostruzione o occlusione dei vasi linfatici, che a sua volta comporta una diminuzione o un assente drenaggio dei fluidi circostanti.
Le filariasi linfatiche sono causate da parassiti appartenenti alla famiglia delle Filariidae.
Nell’uomo sono causate da 2 specie:

  • Foto tratta da pinterest.com

    Wuchereria bancrofti: le femmine adulte di misurano da 80 a 100 mm di lunghezza e da 0.24 a 0.30 mm di diametro. I maschi adulti misurano circa 40 mm di lunghezza e circa 0.1 mm di diametro.

  • Brugia spp: sono molto simili alle forme adulte di W. bancrofti ma più piccole, infatti le femmine misurano da 43 a 55 mm di lunghezza e da 130 a 170 µm di diametro, mentre i maschi misurano da 13 a 23 mm di lunghezza e da 70 a 80 µm di diametro.

Epidemiologia 

Le filariasi linfatiche interessano circa 100 milioni di persone in tutto il mondo, prevalentemente nelle zone tropicali e subtropicali. La specie Brugia spp. è sviluppata soprattutto in Asia, mentre W. Bancrofti ha una diffusione più ampia, non solo in Asia, ma anche nell’Africa Tropicale, nel centro e nel sud America e nelle isole del Pacifico.

Diagnosi

La diagnosi può essere effettuata attraverso esami bioumorali, nei quali emergerà una ipereosinofilia e in alcuni casi anche aumento delle immunoglobuline di tipo E (IgE), attraverso esami microbiologici, che dimostrano la presenza del parassita nel sangue periferico, nell’idrocele, nelle urine o in un pezzo bioptico; si possono utilizzare anche esami sierologici e infine la diagnostica per immagini, come la radiografia, l’ecografia e la linfangiografia.

Terapia

Il trattamento farmacologico standard che viene adottato nelle filariasi linfatiche è Di-Etil-Carbamazina (DEC) che uccide i parassiti, in particolare le microfilarie, e in gran parte anche le forme adulte. Non si conosce perfettamente il meccanismo d’azione, ma agisce principalmente paralizzando le filarie, favorendo l’espulsione da parte del sistema immunitario dell’ospite.
A questo ovviamente è suggerita l’aggiunta di FANS per il controllo del dolore e  l’allettamento, con gli arti inferiori leggermente sollevati e avvolti in bende compressive per ridurre l’edema massivo delle gambe.

Nei casi di idrocele importante, il paziente può essere sottoposto anche ad un trattamento di chirurgia plastica mirato a correggere l’elefantiasi, ma con uno scarso successo.

– Mattia Manzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Comment moderation is enabled. Your comment may take some time to appear.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.