La psoriasi è una malattia infiammatoria, non contagiosa, che interessa la pelle. Epidemiologicamente, in Italia si contano il 3,1% dei casi ( circa due milioni di persone), mentre al mondo abbiamo un interessamento compreso tra lo 0,6 e il 5% della popolazione. Generalmente la patologia insorge intorno ai 20-30 anni, per poi avere una riacutizzazione intorno ai 50 anni, nei bambini è veramente molto rara.

Considerando le numerose forme sotto le quali si può presentare, non è corretto parlare di psoriasi come di un’unica patologia. I medici distinguono cinque maggiori varianti cliniche di psoriasi:

Psoriasi Volgare: nota anche come psoriasi a chiazze o a placche. Generalmente insorge in età adulta e si manifesta con la comparsa di chiazze che tendono alla desquamazione desquamazione ai gomiti, alle ginocchia, al cuoio capelluto e alla parte bassa della schiena. Le chiazze sono grandi e tendono a confluire, potendo così interessare ampie zone del tronco e degli arti. La malattia ha un andamento cronico recidivante, ovvero è soggetta ad attenuazione, regressione e ricomparsa dei sintomi.

Psoriasi Guttata: è caratterizzata da piccole chiazze che assomigliano a gocce (il suo nome deriva dal latino gutta, che significa per l’appunto gocce). È una delle forme più frequenti dell’infanzia e dell’adolescenza, generalmente preceduta da una faringotonsillite streptococcica. Le lesioni possono comparire in modo improvviso e scomparire nell’arco di alcune settimane.

Psoriasi inversa: chiamata anche psoriasi delle pieghe o psoriasi fessurata si sviluppa elettivamente nelle pieghe cutanee, come l’inguine, la piega interglutea, le pieghe sottomammarie e la zona genitale in genere. Questa forma di psoriasi è particolarmente frequente nei soggetti obesi e/o diabetici, e negli anziani.


Psoriasi Eritrodermica:
Quasi tutta la cute (oltre l’80%) è coinvolta dall’eritema generalizzato. L’eritema e l’esfoliazione della pelle provocano prurito, dolore e gonfiore. Generalmente questo tipo di psoriasi insorge dopo la brusca interruzione di terapie cortisoniche o immunosoppressive. Questa forma di psoriasi è particolarmente invalidante per il paziente ed in molti casi richiede il ricovero ospedaliero; può infatti portare a grave disidratazione e comparsa di infezioni.

  Psoriasi pustolosa: è una forma molto grave di psoriasi, che si manifesta con la comparsa di piccole pustole giallo-brune purulente. Si associa inoltre a febbre, malessere, parestesie e sensazioni di bruciore. Può provocare febbre e altre complicazioni, come disidratazione e sepsi batterica . Come per la forma eritematosa, può essere scatenata dall’interruzione di un trattamento sistemico con corticosteroidi.
La psoriasi è una patologia multifattoriale, che deriva dall’interazione tra numerosi fattori predisponenti. Non è quindi possibile determinare con certezza un’unica causa di origine, anche se, nella maggior parte dei casi, la componente genetica e lo stress giocano un ruolo importantissimo. La psoriasi è una malattia a predisposizione plurigenica, cioè correlata ad informazioni presenti su più geni. Per questo motivo, i figli di un genitore affetto da psoriasi hanno una maggiore probabilità (ma non la certezza) di sviluppare la patologia. La famigliarità o la predisposizione genetica non sono tuttavia in grado di scatenare da sole la psoriasi. Affinché la malattia si manifesti devono infatti intervenire altri fattori scatenanti, come ad esempio un intenso stress psico-fisico.

Da un punto di vista terapeutico la ricerca farmacologica ha fatto passi da gigante sostituendo le vecchie cure cortisoniche con farmaci a base di vitamina D. Tuttavia, essendo la psoriasi una patologia a decorso cronico , ci si può limitare alla sola e costante cura, ma non si è ancora arrivati a spegnere totalmente la patologia.

Non bisogna inoltre dimenticare che, oltre alle terapie mediche, la semplice riduzione dello stress giova moltissimo al paziente. Per questo motivo è bene concedersi ogni tanto dei momenti di relax e svolgere regolarmente attività fisica per scaricare le tensioni quotidiane.

-Toto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.